Uno a uno a San Biagio per il primo pareggio stagionale dei biancoverdi

La panchina del Ponte Crepaldo Eraclea a San Biagio

Il Ponte Crepaldo Eraclea, ancora una volta in formazione rimaneggiata, porta a casa un pareggio da San Biagio di Callalta che sta sicuramente stretto alla formazione diretta da Nerio Corò ma che vale la presenza in zona play-off. Questo pareggio è importante solamente come dato statistico visto che il Ponte Crepaldo Eraclea fino ad ora era l’unica squadra a non aver mai pareggiato una gara di campionato, un record che durava da 20 partite consecutive. Nell’affrontare il Calcio San Biagio il mister biancoverde conferma la maglia numero tre per Zamrane, ma nelle retrovie deve rinunciare allo squalificato Maimone. Per squalifica manca pure Frasson e nello stesso reparto offensivo anche il bomber Angelini, a centrocampo assente l’infortunato Caramello.

I primi 10 minuti dell’incontro scivolano via senza alcuna emozione per gli spettatori presenti in tribuna, nessuna conclusione verso le due porte anche se il Ponte Crepaldo dimostra di essere più intraprendente. Al 10′ Sartori lancia in profondità per Dotta che scatta velocissimo verso l’area avversaria, su di lui rinviene Ciaglia, da ultimo difensore, allargando la gamba sinistra, un’entrata chiaramente fallosa che causa la caduta di Dotta. L’arbitro, lontano dall’azione, non prende alcuna decisione negando la punizione dal limite a favore dei crepaldini e l’ammonizione del difensore sambiagese. Trascorre un solo minuto ed il Ponte Crepaldo va vicino al gol: Sartori ruba palla a centrocampo e la cede allo scattante Mazzon lesto e veloce ad avvicinarsi all’area ed una volta giunto al limite conclude di sinistro trovando l’opposizione del portiere De Felice che vola a deviare in tuffo. Sul conseguente calcio dalla bandierina Sartori si eleva più in alto di tutti e di testa schiaccia la palla, che dopo il rimbalzo a terra, si insacca alle spalle di De Felice. A quel punto Luca Barbaro di Mestre, arbitro del match, fischia e non convalida il gol. Anche rivedendo le immagini non si comprende bene per quale motivo la rete sia stata annullata, l’arbitro mima una spinta che però non trova riscontro. Al 17′ minuto altra occasione da rete per i biancoverdi, capitan Sartori servito sul centro sinistra del fronte d’attacco penetra in area da dove conclude a colpo sicuro, ma sulla strada del gol trova Ciaglia che devia il pallone in angolo. Fra i crepaldini, Sartori sembra proprio essere il più intraprendente in fase offensiva, al 34′ dribbla un paio di avversari sulla sinistra e poi mette palla in area per l’accorrente Mazzon che a due passi dalla porta non ha un controllo preciso e si fa anticipare dal portiere. Un minuto dopo lo stesso Mazzon con un colpo di tacco serve palla a Simonetto sulla destra, il difensore biancoverde sullo scatto viene affrontato fallosamente con una energica spallata da Kone, anche in questo caso non si comprende bene perchè l’arbitro non fischi il calcio di punizione dal lato corto dell’area.

Il primo tempo si conclude a reti bianche con una sostanziale differenza: il Ponte Crepaldo ha creato alcune occasioni da gol e può anche recriminare sulla rete annullata, sull’altra sponda San Biagio non pervenuto e Striatto inoperoso. I crepaldini trovano il meritato vantaggio al 14′ del secondo tempo: calcio di punizione di Ferro con palla scodellata in area per il colpo di testa di capitan Sartori che trova la miracolosa deviazione in tuffo di De Felice, ma l’estremo sambiagese nulla può sulla pronta ribattuta a rete di Marco Dotta che va a festeggiare il gol sotto la tribuna occupata dai supporters biancoverdi. Dotta galvanizzato dal gol realizzato al 19′ minuto va vicino alla doppietta al termine di una azione personale che lo porta alla conclusione dal limite, nella circostanza è l’estremo De Felcie a metterci una pezza salvando la sua porta con una deviazione in tuffo. Al 21′ minuto il San Biagio perviene inaspettatamente al pareggio con Marco Nan che si avventa su una palla vagante, Simonetto lo affronta in ritardo così l’attaccante sambiagese lascia partire una forte conclusione di sinistro e dalla lunga distanza imprimendo alla sfera una parabola a scendere che sorprende Striatto fuori dai pali. Da quel momento il Ponte Crepaldo Eraclea tenta a più riprese di riportarsi in vantaggio, ma si trova di fronte un San Biagio che si copre nella propria metà campo a difesa del prezioso pareggio limitandosi a delle sporadiche azioni di rimessa. L’occasionissima per i biancoverdi giunge proprio all’ultimo istante di gara: è il 4′ minuto di recupero quando Mazzon batte un angolo a spiovere verso il secondo palo della porta sambiagese, nei pressi ci sono Dotta e Bagolin che finiscono per ostacolarsi a vicenda cosicchè il colpo di testa di Dotta è impreciso ed esce di un soffio al lato. A quel punto il triplice fischio finale sancisce l’uno a uno finale.

Commenta per primo

Scrivi o rispondi ad un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*