Ponte Crepaldo Eraclea festeggia la sua prima vittoria casalinga, 3-1 al S.Elena

Ponte Crepaldo Eraclea festeggia la sua prima vittoria casalinga

Ponte Crepaldo Eraclea festeggia la sua prima vittoria casalinga in campionato. C’era grande attesa per questo match ed una certa trepidazione perchè l’avversaria di turno, il S.Elena, è una squadra insidiosa in grado di dare filo da torcere a tutte le altre, Julia Sagittaria compresa, inoltre c’era da sfatare il tabù del Comunale di Ponte Crepaldo dove i locali non avevano ancora vinto in campionato. Compito non semplice per il nuovo tecnico, Riccardo Bianco, di recentissima investitura che ha avuto a disposizione solamente tre allenamenti per fare una prima conoscenza con la rosa a sua disposizione. Quando si cambia guida tecnica in corsa il nuovo allenatore deve decidere se i giocatori che trova debbano essere loro ad adattarsi a lui o viceversa. Mister Bianco sembra aver trovato il giusto compromesso perchè, vista sul campo, la squadra si è mossa ai suoi ordini come se si conoscessero da tempo. Il Ponte Crepaldo inizia la gara con il giusto piglio, al primo minuto si rende subito pericoloso con una discesa sulla destra di Amadio che imbecca Lion il quale da posizione decentrata difende palla prima di calciare in porta chiamando Frezza alla parata a terra. Dalla parte opposta Colucci è chiamato allo stesso tipo di intervento, al 5′ minuto, per bloccare un rasoterra di Marini. Lo stesso Marini, due minuti dopo, ha un’ottima occasione per sbloccare il risultato ricevendo un filtrante di Mestriner che lo libera solo davanti a Colucci ma la sua conclusione è debole e centrale facilitando il compito del portiere biancoverde. Al 15′ Cendron rischia un clamoroso autogol svirgolando il pallone in fase di rinvio ma Frezza è attento e blocca. Una insidiosa conclusione dalla distanza di El Alani, servito da Amadio, esce di poco al 23′ di gioco. Pregevole gesto tecnico di El Alani al 32′ quando penetra in area evitando in dribbling quattro avversari, azione che lo conduce a due passi dalla porta del S.Elena, a quel punto invece di tentare la conclusione serve palla al limite dell’area piccola, la sfera viene respinta dalla difesa trevigiana tornando però sui piedi di El Alani che continua a furoreggiare concedendosi anche un tunnel in area ad un avversario prima di ritentare con un nuovo cross che questa volta viene deviato da Berna con un braccio. L’arto è chiaramente sollevato ed i biancoverdi presenti nei paraggi protestano chiedendo un calcio di rigore che sembra limpido ma l’arbitro, forse coperto, fa proseguire. El Alani ancora protagonista al 42′, palla recuperata da Lion che scambia con “Bibi” Amadio lesto ad aprire a favore di El Alani il quale da posizione decentrata cerca di sorprendere il portiere avversario sul primo palo costringendolo ad una impegnativa deviazione in angolo. Il primo tempo si chiude a reti inviolate, ma il Ponte Crepaldo Eraclea si è certamente dimostrato più propositivo in fase offensiva nonostante la strenua opposizione degli ospiti che hanno pressato e raddoppiato senza sosta sui portatori di palla biancoverdi in qualsiasi zona del campo.

L’episodio che sposta gli equilibri arriva al minuto due della ripresa quando Girardi ferma una percussione di Frasson con un fallo di mani volontario, questa volta l’arbitro se ne avvede e decide per l’ammonizione al difensore trevigiano ed il calcio di punizione a favore dei biancoverdi. A prendersi la palla è Finotto, ma a calciare dai 25 metri ci pensa Stefano Danieli con una fucilata di destro che non lascia scampo a Frezza, il pallone si infila nell’angolino basso alla sinistra del portiere. Ponte Crepaldo Eraclea in vantaggio e sulle ali dell’entusiasmo, dieci minuti più tardi, arriva anche il raddoppio: discesa sulla sinistra di Trafeli il quale giunto a fondo campo mette palla a centro area per l’accorrente Frasson che controlla e calcia alle spalle di Frezza gonfiando la rete. Il S.Elena non è certo intenzionata ad arrendersi tanto facilmente e crede nella rimonta riuscendo a ridurre le distanza al 22′ minuto. L’azione della rete degli ospiti parte da una punizione battuta da Beni con palla forte e tesa verso l’area crepaldina che viene impattata da Coppola, la sfera si impenna per la torre di testa del neo entrato Busetto che mette Marini nelle condizioni di battere da distanza ravvicinata e per Colucci non c’è il tempo nemmeno per abbozzare la parata. Mister Bianco tranquillizza subito i suoi: «Non è successo nulla» grida dalla panchina. Il suo appello viene preso alla lettera perchè un solo minuto più tardi i biancoverdi ristabiliscono le distanze allontanando immediatamente lo spettro di un’altra rimonta beffa come successo nel recente passato. L’azione si sviluppa da destra con Da Col che da il via ad una rapida serie di scambio palla che coinvolge nell’ordine Amadio, Lion ed El Alani, quest’ultimo ricevuta la sfera sul lato corto dell’area la addomestica e dopo aver controllato la posizione del portiere lo beffa con un pallonetto diretto al secondo palo. Nei minuti a seguire si assiste ad una girandola di sostituzioni in particolar modo in casa biancoverde. Da segnalare l’esordio in campionato di Stefano Simonetto ed il ritorno al calcio giocato di Davide Sartori autore di una conclusione in porta, bloccata dal numero uno ospite, su servizio di El Alani. Null’altro da segnalare se non un momento di gloria anche per Colucci bravo, a pochi secondi dal triplice fischio finale, ad alzare in angolo una punizione missile battuta da Baldissin.

Commenta per primo

Scrivi o rispondi ad un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*