Ponte Crepaldo ai quarti del Trofeo Veneto

Gli ottavi di finale del Trofeo Veneto di Prima Categoria vedevano di fronte il Santa Lucia Susegana ed il Ponte Crepaldo Eraclea, gara di sola andata ad eliminazione diretta. Le due squadre non hanno certo deluso le attese mettendo sul campo tutto il loro valore, si tenga presente che in campionato il Santa Lucia Susegana è prima in classifica nel girone G ed il Ponte Crepaldo Eraclea è in zona play-off nel girone H. L’avvio della formazione di mister Nerio Corò sorprende quella diretta da Diego Moro andando in goal già al calcio d’inizio. Sono trascorsi solamente 15 secondi dal fischio d’avvio quando Dotta dal vertice sinistro effettua un preciso traversone trovando Krawczyk, appostato sul secondo palo, pronto al colpo di testa che manda la palla in rete, nulla da fare per il portiere Schincariol. Al 37′ del primo tempo il Santa Lucia perviene al pari con uno sfortunato autogol di Franceschetto. Niakhasso si rende protagonista di una azione personale con una discesa sulla destra, giunto a fondo campo il santalucese mette palla nei pressi dell’area piccola dove Franceschetto nel tentativo di anticipare un avversario colpisce male causando l’autorete. Le due compagini si danno battaglia anche per tutto il secondo tempo, ma il risultato non cambia ed al termine dei sei minuti di recupero il risultato è fermo sul 1-1.

Per decidere quale delle due accederà ai quarti di finale si deve quindi procedere ai calci di rigore come previsto dal regolamento. Nell’occasione è Marco Striatto, il portiere del Ponte Crepaldo, a rendersi protagonista parandone due, cosa che permette alla sua squadra di imporsi per 5-4 e di passare il turno. Santa Lucia eliminata.

Questa la sequenza dei calci di rigore:

Santa Lucia Susegana: Bet (goal), Popoiu (goal), Ait Oumghar (parato), Battistella (parato), Zava (goal)

Ponte Crepaldo Eraclea: Briglia (goal), Nardin (goal), Angelini (goal), Catania (parato), Krawczyk (goal)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*