Monastier cinico, la Juniores del P.C.E. cede l’intera posta in palio

Juniores Ponte Crepaldo Eraclea Monastier

Monastier cinico, la Juniores del P.C.E. cede l’intera posta in palio. C’era attesa per questo debutto casalingo non solo a Ponte Crepaldo ma anche ad Eraclea visto che si tratta dell’unica formazione Juniores a rappresentare il comune di Eraclea dopo il progressivo declino e diradamento nel capoluogo del settore giovanile, un reparto che un tempo era molto fiorente. Il nuovo settore giovanile del Ponte Crepaldo Eraclea, fortemente voluto dal Presidente Filippi, ha iniziato ad operare solamente da quest’estate, è stata una lotta contro il tempo, e non solo, per riuscire a creare da zero un reparto fondamentale per una società di calcio. Fra le giovani squadre allestite, partendo da zero, c’è anche la Juniores di recente affidata a mister Alessandro Garbo che ha fatto il possibile, in tempi molto ristretti, per mettere in pista una squadra in grado di iniziare il campionato dopo l’improvvisa rinuncia del precedente tecnico. La Juniores del Ponte Crepaldo Eraclea ha giocato in trasferta le prime due gare di campionato con un bottino di tre punti frutto di una sconfitta a Corbolone ed una vittoria a Meolo. Quest’oggi si presentava davanti al proprio pubblico che la ha sostenuta per tutti i 90 minuti di gioco. La gara è iniziata subito con un grave handicap per i biancoverdi (oggi in tenuta gialla) a causa di una rocambolesca rete subita al primo minuto di gioco. Il Monastier dopo pochi istanti conquista il primo calcio d’angolo, la relativa battuta dalla bandierina ha una particolare parabola (voluta?) che manda il pallone ad insaccarsi direttamente in porta con la “complicità” del difendente piazzato sul palo che aveva la possibilità di deviare di testa ma inspiegabilmente si abbassa. Poco male, si afferma in questi casi, ci sono ancora 89 minuti per recuperare la rete di svantaggio subita a freddo, ma i ragazzi del Ponte Crepaldo Eraclea si trovano di fronte ad un Monastier compatto, coriaceo e sempre ben piazzato sul campo in grado di arginare qualsiasi tentativo offensivo dei padroni di casa anche ricorrendo alle maniere forti quando necessario. La squadra di mister Garbo macina gioco affidando le proprie speranze di pareggio all’estro ed alla tecnica di Idriss El Aoud ed alla giovane punta Adem Messaoud. Le intenzioni sono sicuramente buone, non altrettanto le conclusioni in porta che stentano ad arrivare o sono imprecise. La prima frazione di gara si conclude con lo zero ad uno maturato al primo minuto di gioco.

La situazione ad inizio ripresa non cambia di molto, Monastier prudente e schierato a coprire a dovere la propria metà campo da una parte e Ponte Crepaldo Eraclea che non trova lo spiraglio giusto per impegnare il portiere ospite. La gara è a tratti spigolosa senza risparmio di colpi fra i contendenti e con il crescere della stanchezza e della frustrazione per lo sforzo profuso sul campo senza ottenere alcunchè i ragazzi di mister Garbo, allontanato dal campo per proteste, finiscono per perdere lucidità e controllo dei nervi. A farne le spese, attorno alla mezz’ora, è Longo che cade nella provocazione del numero 11 avversario lasciandosi andare ad una reazione che gli costa il cartellino rosso. A quel punto la strada verso la vittoria per il Monastier si fa in discesa e poco più tardi gli ospiti chiudono la gara con la rete del raddoppio grazie ad un calcio di punizione dalla lunghissima distanza ed alla grave indecisione dell’estremo Botosso che non riesce ad intercettare il pallone scagliato direttamente in porta da distanza siderale. Al termine della gara i ragazzi del Ponte Crepaldo Eraclea sono rammaricati per un risultato, zero a due, che li punisce oltremodo, anche se gli ospiti del Monastier non hanno rubato nulla. Di positivo comunque ci sono i progressi dimostrati di recente oltre al fatto che di margini di miglioramento ce ne sono sicuramente. E cosa si può scrivere della direzione del Sig. Adarsh Rosiglioni della sezione A.I.A. di San Donà? Che ha finito per scontentare tutti e 22 i ragazzi in campo, panchine comprese. Sarà un caso che a 25 anni gli fanno arbitrare ancora gli juniores provinciali? Forse…

Con la Juniores l’appuntamento è per sabato prossimo a Cendon di Silea per la sfida con i pari età dell’ Unione Sile.

Commenta per primo

Scrivi o rispondi ad un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*