Il Ponte Crepaldo Eraclea stende lo Sporting Scorzè e torna alla vittoria

ponte crepaldo eraclea - sporting scorzè peseggia

Il Ponte Crepaldo Eraclea, come sempre generoso e combattivo, si impone sullo Sporting Scorzè Peseggia per 3-1, una vittoria pienamente legittimata da quanto messo in mostra nel corso della gara. Alcune importanti assenze, fra cui quella del bomber Angelini, ed il campo reso particolarmente pesante dalle piogge non facilitavano il compito a cui era attesa la compagine diretta da Nerio Corò: tornare alla vittoria dopo le tre sconfitte consecutive patite nel mese di gennaio e che sono costate ai crepaldini il vertice della classifica.

Anche se in formazione rimaneggiata il Ponte Crepaldo Eraclea al fischio d’avvio parte, lancia in resta, rendendosi pericoloso fin da principio e l’iniziativa dei biancoverdi viene premiata al 12′ minuto con la rete del vantaggio. L’azione nasce da un calcio di punizione battuto da Daniel Teso che scodella il pallone nell’area dello Scorzè dove si crea un batti e ribatti concluso dal destro di Davide Sartori dal limite che indirizza la palla all’angolo basso della porta ospite. Trascorrono solamente tre minuti ed il Ponte Crepaldo raddoppia. Capitan Sartori effettua un lancio filtrante che permette a Mazzon di infiltrarsi nell’area scorzetana per vie centrali, resiste in piedi ad un primo intervento dubbio portato da Gregorio subito dopo il portiere Pettenò in uscita lo affossa convincendo l’arbitro a fischiare il calcio di rigore. La massima punizione viene trasformata con precisione e freddezza da Sartori con palla da una parte e portiere dall’altra per il 2-0 a favore dei biancoverdi. Al 23′ minuto del primo tempo lo Sporting Scorzè riapre la gara riducendo le distanze: Codato cede palla a Calzavara che si incunea nell’area biancoverde in dribbling, giunto a fondo campo rimette all’indietro per l’accorrente il quale, da distanza ravvicinata, non ha particolari difficoltà a gonfiare la rete della porta crepaldina.

Nonostante manchi ancora molto al termine della gara il Ponte Crepaldo Eraclea nei minuti a seguire dimostrerà di essere in grado di controllare efficacemente i tentativi avversari di trovare il pareggio mettendo al sicuro il risultato al 17′ del secondo tempo grazie al duo Mazzon Dotta (nel video sottostante). Il primo avvia l’azione servendo palla in profondità per Dotta che restituisce il favore al compagno di squadra servendogli un assist che Gianmarco Mazzon sfrutta nel migliore dei modi: controllo e conclusione di sinistro, una rasoiata dal limite che non lascia scampo a Pettenò inutilmente proteso in tuffo, la palla si infila nell’angolo lontano. Da segnalare nel finale di gara un doppio errore arbitrale commesso dal signor Kristian Bello di Castelfranco Veneto, il primo per aver assegnato un calcio di punizione dal limite a favore degli ospiti per un fallo inesistente su Codato che in realtà cade per aver messo il piede sopra al pallone (come si vede dalle immagini n.d.r.). L’altro errore giunge dopo la battuta del calcio di punizione, in quella circostanza l’arbitro estrae il secondo giallo per Frasson che può starci a termini di regolamento, peccato che il cronometro riporti 49:40, quindi ben oltre i tre minuti di recupero assegnati.

Le note positive per il Ponte Crepaldo Eraclea giungono dal gruppo, la buona prova corale di tutti i biancoverdi ha permesso alla squadra diretta da Nerio Corò di essere più forte delle avversità avute di recente. Tutti ben sopra la sufficienza con una menzione speciale per Jalal Zamrane un ragazzo che, pur avendo un minutaggio inferiore ad altri suoi compagni di squadra, si è fatto trovare pronto ed efficace quando ha avuto la sua occasione di indossare una maglia da titolare avvalorando così la scelta fatta dal suo tecnico.

Qui sotto il video con l’azione che ha portato alla terza rete dei biancoverdi

Commenta per primo

Scrivi o rispondi ad un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*