Gli allievi pareggiano alla prima di campionato

Con la Juniores ferma per la gara posticipata come da richiesta del Piavon, gli occhi erano puntati al “Don Trento” dove, domenica mattina, è iniziato il campionato anche per gli Allievi. Ospite di turno la Fossaltese, squadra ben organizzata e con un’ottima dose di qualità in campo. Buona la partenza dei nostri ragazzi che hanno chiuso la prima frazione di gioco in vantaggio per 2 a 1 grazie alla doppietta di Alessandro Moschino e con qualche ghiotta occasione mancata sottoporta come nella circostanza più eclatante che ha visto Arias mancare la conclusione a tu per tu con il portiere avversario. La Fossaltese nella ripresa si rimbocca le maniche ed inizia a macinare gioco e guadagnare metri in campo. La svolta arriva intorno al 70′ minuto quando l’autore dei due gol del Ponte Crepaldo viene espulso in maniera forse troppo avventata dal direttore di gara per una “parola” di troppo. I biancoverdi in dieci accusano il colpo, ma riescono comunque a tenere alto il muro difensivo. Muro che viene però abbattuto da un calcio di rigore nel finale concesso ai fossaltesi dal direttore di gara e giudicato dai presenti fin troppo generoso. Dagli 11 metri il nostro portiere Bragato viene superato dal pallone che si insacca inesorabile fissando il punteggio sul 2 a 2 finale. Al triplice fischio del direttore di gara, un pò di amaro in bocca per una partita che poteva essere sicuramente gestita meglio dai nostri ragazzi, ma che hanno anche dovuto fare i conti con qualche particolare decisione arbitrale che ha inevitabilmente influito sul risultato finale. Poco importa, lo sportivissimo pubblico colorato di biancoverde al termine della gara ha applaudito tutti gli atleti in campo compreso l’arbitro. Domenica prossima seconda giornata in programma ed i nostri ragazzi saranno di scena al “De Nardi” di Meolo sperando di mettere in campo la stessa grinta, ma con un pizzico di buona sorte a favore.

Commenta per primo

Scrivi o rispondi ad un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*