Campionato Juniores, il Ponte Crepaldo riparte con una bella vittoria

La Juniores biancoverde inizia nel migliore dei modi la seconda fase della stagione calcistica 2019-2020 vincendo per 2-1 contro una temibile antagonista come il Meolo. Una vittoria importante viste le difficoltà che hanno incontrato i ragazzi del Ponte Crepaldo Eraclea ad iniziare dalle condizione climatiche di un pomeriggio di gennaio caratterizzato da una copiosa pioggia che ha reso il campo pesante. Mister Brusadin ed i suoi ragazzi avevano lavorato a lungo per preparare questa sfida che li vedeva opposti ad una avversaria che nel corso della prima fase stagionale li aveva sconfitti in entrambe le occasioni in cui si erano incontrati. Sconfitti ma non battuti, di questo i crepaldini ed il loro allenatore sono sempre stati convinti ed ora lo hanno dimostrato con una vittoria che avrebbe potuto essere di maggiori proporzioni se non fosse stato per un’altra pessima direzione di gara offerta da Adarsh Rosiglioni, fischietto della sezione di San Donà di Piave.

E su questo argomento desideriamo aprire una parentesi per analizzare e comprendere se la nostra è solo una infondata impressione o se il sopra citato arbitro ha un “conto aperto” con la Juniores del Ponte Crepaldo ed in questo caso ci piacerebbe conoscerne il motivo. Qualche appunto già espresso nel 2017? (link) Da allora sono trascorsi più di due anni e lo ritroviamo ancora ad arbitrare la juniores provinciale. Per questa gara la designazione arbitrale non è sembrata particolarmente azzeccata visto che lo stesso Rosiglioni nel corso di questa stagione aveva già diretto Meolo – Ponte Crepaldo con quattro espulsioni tutte a carico del Ponte Crepaldo e le polemiche che, in casi come questo, ne conseguono. Quest’oggi, con le medesime contendenti, lo stesso arbitro ha rifilato altri due cartellini rossi (sempre) ai crepaldini. Sarà un caso? Ci si augura non capiti più e che venga fatta un po’ più di attenzione da parte di chi ha il compito di vigilare e decidere.

Chiusa parentesi, facciamo ora alcune considerazioni sulla gara che ha visto i ragazzi di Paolo Brusadin imporsi con pieno merito grazie ad un superbo primo tempo chiuso con un indiscutibile vantaggio di 2-0 e con più di un rammarico per le numerose occasioni sprecate, frutto di alcune buone giocate di squadra e dei singoli. I crepaldini nella prima frazione di gara hanno rischiato praticamente nulla contro un Meolo che si chiudeva bene e rispondeva con delle ripartenze basate su lanci lunghi a favorire il contropiede della loro veloce punta.

Il secondo tempo è stato invece caratterizzato dalle decisioni arbitrali con Rosiglioni che espelle Girotto all’inizio della ripresa e dopo 10 minuti anche Tronco. Nonostante l’arbitro e la doppia inferiorità numerica il Ponte Crepaldo Eraclea sfiora in almeno quattro occasioni la rete del 3-0 colpendo una traversa e sfiorando la marcatura con Martin e Tilka che si ritrovano a tu per tu con il portiere avversario facendosi deviare la conclusione. In seguito affiora una comprensibile stanchezza fra le fila della squadra crepaldina costretta, suo malgrado, a giocare in inferiorità numerica, il Meolo ne approfitta per ridurre le distanze con una rete su calcio di punizione.

Sono epici gli ultimi minuti dei biancoverdi giocati su un campo al limite della tenuta. I nostri ragazzi si difendono in 9 contro 11 fino al 97′ quando finalmente arriva il triplice fischio finale. A quel punto il Meolo e l’arbitro Adarsh Rosiglioni prendono atto che il Ponte Crepaldo Eraclea ha vinto la sfida.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*